IL GIARDINIERE CONDOTTO. Sinergie fra cittadini e professionisti per una città giardino – 24/2 ore 18

Cari Soci VdS,
non può esserci un giardino senza il giardiniere“. Questa frase di Silvio Anderloni, agronomo direttore del Centro per la Forestazione Urbana di Bosco in Città, introduce il tema dell’evento di febbraio dedicato alla permeazione del verde nella città ed al ruolo della figura del giardiniere condotto. Questa figura professionale, rappresentata a Milano da Manuel Bellarosa, capo giardiniere dell’Orto Botanico di Brera, insegna gratuitamente a volontari ed Associazioni come prendersi cura del verde pubblico. Un supporto importante perché occuparsi dell’ambiente in cui si vive fa crescere la cultura civica e insieme alla città si migliora anche l’approccio ai beni comuni.
Non perdetevi gli approfondimenti che il dialogo tra i nostri due straordinari ospiti porterà!

 

RELATORI
Silvio Anderloni, agronomo direttore del CFU di Italia Nostra

Manuel Bellarosa, capo giardiniere dell’Orto Botanico di Brera

INFO EVENTO
Invito riservato ai soci VerDiSegni e agli studenti di progettazione di giardini di A&M.

SEDE E ORARI
Mercoledì 24 febbraio, dalle ore 18 alle 20.

Piattaforma Zoom (le credenziali vengono fornite ai soci via e-mail)

ISCRIVERSI ALL’ASSOCIAZIONE
Per diventare soci inviare una e-mail a info@verdisegni.org o compilare la scheda d’iscrizione e inviarla dalla seguente pagina web.

FARE PAESAGGIO NELL’ERA DELL’INCERTEZZA. Progettare spazi aperti per facilitare incontri fra diversità e comunanza – 27/1 ore 18

Cari Soci VdS,
mercoledì 27 gennaio, alle ore 18.00, si terrà il primo evento, online, del 2021 nel corso del quale il Paesaggista Andrea Balestrini illustrerà alcuni progetti dello studio internazionale LAND. In particolare verranno approfonditi gli approcci grazie ai quali la progettazione degli spazi aperti può facilitare l’interrelazione tra le diverse comunità, tra gli utenti degli spazi verdi.
Sarà inoltre l’occasione per discutere dell’esperienza di LAND nel laboratorio europeo UNaLaB, di cui è partner, e scoprire alcuni primi risultati della ricerca su come le persone generalmente percepiscono e utilizzano gli spazi verdi urbani e sugli eventuali cambiamenti nelle modalità di utilizzo degli stessi dovuti alla situazione COVID-19. Con l’auspicio che i risultati potranno contribuire alla progettazione di spazi verdi urbani per soddisfare le esigenze di tutti i cittadini.
Vi Aspettiamo!

 

Scarica la locandina dell’evento.

 

INFO EVENTO
Invito riservato ai soci VerDiSegni e agli studenti di progettazione di giardini di A&M.

SEDE E ORARI
Mercoledì 27 gennaio, dalle ore 18 alle 20.

Piattaforma Zoom (le credenziali vengono fornite ai soci via e-mail)

ISCRIVERSI ALL’ASSOCIAZIONE
Per diventare soci inviare una e-mail a info@verdisegni.org o compilare la scheda d’iscrizione e inviarla dalla seguente pagina web.

CREDITI FORMATIVI
Ai Dottori Agronomi e ai Dottori Forestali interessati VerDiSegni rilascerà l’attestato di partecipazione da allegare alla domanda di riconoscimento dei Crediti Formativi Professionali per attività svolta al di fuori del Catalogo Nazionale della formazione
professionale continua, come da regolamento Conaf n. 3/2013

QUANDO L’ARTE SI FA NATURA. Conoscere l’acquarello botanico – 15/12 ore 18

 

Può una illustrazione essere più efficace di una fotografia?

L’acquarello botanico può esserlo perché richiede una lunga ed attenta osservazione del soggetto naturale al punto di coglierne la profonda essenza vitale. La nervatura di una foglia, la trasparenza di un petalo, la nodosità di un gambo appaiono, a chi intende riprodurli, come una visione illuminante, un vedere per la prima volta quello che uno sguardo distratto perde inevitabilmente. A guidare la mano dell’artista è l’amore per il creato, ma anche la precisione che vuole riconsegnare fedelmente nel disegno la bellezza grafica racchiusa nella natura.

Arte antica, ancora oggi, questa tecnica è in grado di emozionarci e avvicinarci ai segreti del mondo vegetale senza trascurare il rigore della conoscenza scientifica.
Maria Rita Stirpe, pittrice di talento da sempre appassionata di botanica ed arte, attenta studiosa e conoscitrice di tecniche pittoriche antiche nonché attratta dalla ricerca del dettaglio, esegue i suoi lavori scegliendo di volta in volta i supporti ed i pigmenti più adatti a riprodurre fedelmente il soggetto vegetale nella sua vividezza naturale. Ha ottenuto vari riconoscimenti, anche da enti internazionali come la prestigiosa Royal Horticultural Society, collabora con vari orti botanici e la rivista Gardenia.
Durante la diretta Zoom, i nostri Soci avranno modo di assistere ad alcuni passaggi nella realizzazione di un acquerello botanico con soggetto natalizio.
Sarà possibile apprendere i rudimenti tecnici di un’arte nobile e secolare che mira a scoprire i segreti della natura attraverso la sua osservazione e riproduzione.

 

Scarica la locandina dell’evento.

 

INFO EVENTO
Invito riservato ai soci VerDiSegni e agli studenti di progettazione di giardini di A&M.

SEDE E ORARI
Martedì 15/12, ore 18.00

Piattaforma Zoom

PROGRAMMA EVENTI 2020-2021

Il nuovo ciclo 2020/2021 avrà come tema “GIARDINI DI COMUNITÀ. Il ruolo delle aree verdi nel rafforzamento dell’identità collettiva”.

 

La nostra riflessione è partita dalla consapevolezza che nessun giardino, sia esso pubblico o privato, nasce da una progettualità neutra. La progettazione è sempre espressione di valori, di una visione del mondo, dei rapporti fra gli attori che agitano la vita sociale o personale. La si potrebbe definire una azione politica, intendendo con questa parola la gestione e l’amministrazione degli spazi per il bene di tutti e a cui tutti sono invitati a partecipare.

E’ del resto evidente che un giardino curato, soprattutto se accessibile ai cittadini, fa da spartiacque fra il degrado e la vivibilità, rendendo persino possibile una ricucitura, se non del paesaggio naturale ormai irriconoscibile in città, almeno del tessuto sociale. Un bel giardino, ben progettato, è in grado di mitigare certe forme di conflitto sociale ed attivare atteggiamenti virtuosi nei cittadini.

Ed è in fondo, nelle grandi città come Milano, dove i giardini non sono più abitati dagli dei, dove l’edilizia selvaggia del passato ha scacciato definitivamente il genius loci, ispiratore dei grandi paesaggisti, e dove anche la memoria delle tradizioni, il racconto di ciò che fu è ormai cancellato da ciò che è ora, che ci si deve aspettare dal giardino-parco  il ruolo di riprendere e vivificare quella narrazione del passato assopita e traghettarci verso il futuro. Un compito difficile ma possibile. Fondamentale in questo “traghettamento” sarà il ruolo delle associazioni, dei volontari, di nuovi ruoli professionali come il “giardiniere condotto“.

In questa rivoluzione copernicana che ha come protagonista il verde, non vanno dimenticati i giardini privati, dal grande prato condominiale al terrazzo di pochi metri quadri, luoghi da sempre manifestazione del pensiero pratico ed estetico di qualcuno, oggetti di controllo sulla eccedenza vitale della natura, possono ora diventare consapevoli luoghi di socialità diffusa che riconosce nel verde privato un valore anche per la collettività, a partire dal ruolo di mitigazione delle isole di calore e miglioramento della qualità dell’aria.

Del resto, dove vi è un insediamento umano e vi sono giardini – siano essi anche pascoli, vigne o campi coltivati – là può nascere una convivenza fruttuosa, virtuosa, conservativa e educativa, perché tutto il territorio va visto come una relazione fra “giardino e comunità”.

Crediamo che i temi sopra riassunti, siano molto attuali, proprio perché le vicende eccezionali che ci stanno coinvolgendo in questi mesi, dove molte certezze anche personali hanno avuto momenti di cedimento, hanno riportato al centro delle priorità proprio la necessità di avere accesso ad un giardino sia esso privato o pubblico. Il valore simbolico, terapeutico, sociale del verde non si risolve nella sola gradevolezza estetica, ed il ruolo dei cittadini non si limita al sedersi sulla panchina in ombra, nuove connessioni, nuove modalità relazionali e progettuali, alcune anche già realizzate, sono possibili.

VerDiSegni cercherà di esplorare queste potenzialità attraverso incontri con esperti e visite a parchi e giardini.

Scaricate il Programma delle attività 2020-2021.

 

1 2 3